Ministero per i beni e le attivita' culturali e per il turismo-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

Marina di Pietrasanta (LU), Villa Amicucci, Gaetano Minnucci, 1936

 
 Villa Amicucci, Marina di Pietrasanta, 1938.

Villa Amicucci, Marina di Pietrasanta, 1938.

 
 

Autore: Gaetano Minnucci

Fu il primo ad essere realizzato per ospitare gli uffici dell'ente. Un'architettura che fa i conti con quanto di più moderno era stato realizzato nella Roma degli anni Trenta per l'uso delle più aggiornate tecnologie e di un apparato di arredi di design praticamente unico nel suo genere. L'edificio è composto da due corpi di fabbrica perpendicolari: uno quadrato a corte, sede del commissariato; l'altro a doppia altezza per il pubblico, misura metri 54 x 23; il pavimento è in marmo cipollino verde apuano, come pure le mostre interne alle porte finestre; i pilastri della sportelleria sono in marmo statuario di Carrara. Il soffitto del salone è a travi in vista. Gli infissi sono in bronzo e cristalli, l'illuminazione elettrica è stata realizzata con dieci grandi lampadari di vetro moderno di Murano, mentre una serie di di piccoli riflettori illuminano il soffitto e la sala a luce indiretta. Lo scalone del pubblico ha un aspetto luminosissimo grazie alla copertura in vetrocemento, le rampe e le balaustre sono in marmo S. Benedetto, mentre le pareti e i pilastri sono rivestiti in pietra botticino. La balaustra del commissariato è invece in vetro massiccio. Il salone disegnatori è munito di illuminazione naturale e artificiale, i serramenti si aprono elettricamente. L'edificio è completato da una grande fontana luminosa sul grande piazzale: vasca a livello terreno divisa in tre bacini da due passaggi di attraversamento e contornata da due superfici di raccordo a lieve pendio irrorate da un velo d'acqua e arricchite da grandi mosaici in bianco e nero. I giochi d'acqua sono costituiti da uno zampillo di circa 10 metri di altezza al centro della vasca e da 256 zampilli parabolici dell'altezza di circa 4 metri. La decorazione delle vasche viene affidata a tre grandi artisti specialisti del mosaico. All'interno, uno scalone è arricchito da una splendida balaustra in vetro che conduce al I piano dove sono gli uffici di rappresentanza.

 

Archivio del progetto
AcS, Archivio progetti "Gaetano Minnucci" (1926-1975)
, progetto n. 12, contiene: busta 7-8 (83 tavole di copie cianografiche, planimetrie, piante, prospetti, sezioni); busta 159-167 (74 foto).