Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

Rosani, Antonino, architetto, (Torino 1909 - Torino 2000)

Soggetto Produttore
  • Forma autorizzata del nome

    Rosani Antonino

    Nino

     
  • Tipologia

    Persona

     
  • Date

    Data nascita 28 gen 1909

    Data morte 2000

     
  • Luoghi

    Luogo di nascita Torino

    Luogo di morte Torino

     
  • Qualifiche

    Professione architetto

    Professione Dirigente del Servizio Impianti e Costruzioni dell'Ufficio Costruzioni Lancia

    Professione Titolare dello Studio di Architettura industriale Rosani

     
  • Descrizione

    Nino Rosani nasce a Torino nel 1909. Nel 1930 ottiene l'abilitazione tecnica, nella sezione geometri, all'Istituto Sommeiller specializzandosi poi in ingegneria civile presso l'Istituto Superiore di Friburgo; il diploma conseguito, in base alla Circolare 23/01/1334 della Direzione Generale dell'Istruzione superiore, non consente l'iscrizione al Politecnico di Torino che gli viene rifiutata così che nel 1942, prende, presso l'Accademia Albertina della stessa città, il diploma di maturità artistica che gli permette nello stesso anno l'iscrizione al Politecnico dove, nel 1947, si laurea in Architettura. Impiegato fin dal 1928 alle dipendenze dell'Ufficio Costruzioni Lancia ne dirige il Servizio Impianti e Costruzioni fino al 1958, progettando e manutenendo le sedi italiane ed estere della casa automobilistica torinese fino al progetto cui deve la notorietà, in collaborazione con Giò Ponti: il palazzo per uffici, noto come grattacielo Lancia, edificato a Torino a scavalco della via Vincenzo Lancia che attraversava lo stabilimento, oggi trasformato in residenza. Nel 1958, lasciata l'industria automobilistica per la libera professione, da vita a uno Studio di Architettura Industriale cui si rivolgono, per incarichi spesso ripetuti nel tempo, importanti nomi italiani e stranieri dell'imprenditoria industriale, della grande distribuzione e turistico-ricettiva. Dal 1966 lo affianca nella conduzione dello Studio il figlio Paolo, architetto. Muore a Torino nel 2000.