Ministero per i beni e le attivita' culturali e per il turismo-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

SOTTSASS, Ettore sr

 
 Ettore sr. Sottsass

Ettore sr. Sottsass

 
 

Nave San Rocco (TN), 1892 - Torino, 1953

Dopo studi compiuti in Trentino e in Tirolo, dal 1912 al 1914 si stabilisce a Vienna, frequentando i corsi alla Scuola di architettura dell'Accademia di belle arti, sotto la guida dell'architetto Ohmann. Al termine della Prima guerra mondiale rientra in Trentino. Nei primi anni Venti partecipa a concorsi promossi dalle amministrazioni civili per la ricostruzione postbellica e per i piccoli monumenti architettonici in onore dei caduti; aderisce al Circolo artistico tridentino e prende parte a varie esposizioni regionali. Intanto esordisce professionalmente con numerose realizzazioni per edifici pubblici come il palazzo per un Consorzio del pubblico impiego e quello commissionato dalla cooperativa "Giovanni Prati" a Trento, entrambi del 1922-1923, e l'edificio comunale di Varena (TN), del 1926, che rappresenta una delle opere più riuscite di Sottsass nel contesto locale. Tra il 1928 e il 1931 esegue i progetti per il municipio di Merano e per lo stabilimento balneare di Bolzano, collaborando con Willy Weyhenmeyer. Si trasferisce a Torino a partire dal 1929. Nel capoluogo piemontese Sottsass partecipa attivamente, con Giuseppe Pagano, Gino Levi-Montalcini, Ottorino Aloisio, Umberto Cuzzi e Giuseppe Gyra alla costituzione del nucleo regionale del Miar (Movimento italiano per l'architettura razionale). Nel giugno del 1931 sottoscrive il manifesto La via Roma di Torino. Intensa la partecipazione a concorsi nazionali di alto livello e la realizzazione di opere fondamentali come il Palazzo della Moda di Torino (1936-38) e la Colonia di Marina di Massa (1938). Nel Secondo dopoguerra l'attività professionale è caratterizzata da progetti destinati alla ricostruzione del Paese. Questa fase vede il superamento dei criteri monumentalistici che avevano improntato le realizzazioni degli anni Trenta, il recupero di riferimenti al contesto originale e una progettazione ispirata ai principi di massima essenzialità. Con il figlio Ettore jr, anch'egli architetto, realizza alcuni progetti a partire dalla seconda metà degli anni Quaranta. Condivide con l'ingegner Pier Luigi Nervi la progettazione della sistemazione del complesso della Torino Esposizioni (ex Palazzo della Moda e delle Esposizioni, 1953).

 

Bibliografia
Ettore Sottsass senior: architetto, Milano, Electa, 1991, catalogo delle opere a cura di G. Pettena e M. Carboni.

 
  • 2