Ministero per i beni e le attivita' culturali e per il turismo-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

BACCIOCCHI, Mario

 
 Mario Baciocchi.

Mario Baciocchi.

 
 

Fiorenzuola d'Arda, 1902 - Milano, 1974

Architetto e urbanista nato in una casa di corso Garibaldi a Fiorenzuola d’Arda, al cui piano terreno lavorava come tipografo il padre Fiorenzo, conseguì il diploma all’Istituto tecnico "Romagnosi" di Piacenza e si laureò nel 1925 presso la facoltà di Architettura del Politecnico di Milano dove era preside e professore Piero Portaluppi che, insieme con Muzio e Giò Ponti costituiva il gruppo lombardo di architetti impegnati nel rinnovamento dell'architettura italiana.
Aprì i suoi primi studi professionali a Parma e a Salsomaggiore, cittadina dove era solito trascorrere i periodi di vacanza e dove vi firmò una delle sue prime opere, Poggio Diana. Nello stesso periodo progettò il restauro della Piazza Grande di Fiorenzuola, l'attuale piazza della Collegiata, inserendovi una serie di porticati sul lato nord, ma il progetto non fu mai realizzato.
Nel 1930 si trasferì a Milano, città più consona alla sua ormai affermata professione, dove ebbe modo di progettare il grattacielo nell'attuale piazza della Repubblica alto 68 metri. Fu così definito "l'architetto dei grattacieli"; infatti, poco dopo ne realizzò un altro in corso Genova.

Dopo la lunga parentesi bellica, la sua fama varcò i confini nazionali: in India predispose il Piano regolatore della città di Gandidham, importante esempio di pianificazione urbana studiata per una popolazione di un milione e mezzo di abitanti, e successivamente negli Stati Uniti, realizzò la grandiosa Cittadella Sacra a Boston, un'opera promossa dalla Fondazione Don Orione, finanziata dagli italo-americani e dal Governo americano.

Fra le tante opere sono da ricordare le stazioni di servizio Agip- Snam-Eni, mentre per lo stesso Gruppo firmò diversi motel e il grande complesso di Metanopoli a San Donato Milanese. Dal 1952 al 1958 fu infatti uno stretto collaboratore di Enrico Mattei, fondatore dell’Eni.

Importanti anche i suoi interventi a Piacenza: portano la sua firma l'edificio del Liceo Classico "Gioia" in viale Risorgimento, realizzato negli anni Trenta; l'Università Agraria a San Lazzaro Alberoni; la chiesa della santissima Trinità e le sedi della società Rdb in via San Siro e della Banca di Piacenza in via Mazzini.

 

Bibliografia
Dorothea Deschermeie, Avventure urbanistiche e architettoniche dell'Eni di Enrico Mattei (1953-1962). Tra progetto e strategia aziendale, Tesi di dottorato di Ricerca in Storia dell'Arte, Alma Mater Studiorum Università di Bologna, 19 Ciclo, aa. 2006-2007.

 
  • 2