Ministero dei beni e delle attivita' culturali e del turismo-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

COSTANTINI, Innocenzo

Osimo (AN), 1881 - Roma, 1962

Innocenzo Costantini, figlio dell'architetto Costantino, si laureò in Ingegneria a Roma nel 1904 e si specializzò in elettronica a Liegi nell'Istituto Montefiore. Dal 1909 al 1913 fu ingegnere capo dell'Istituto case popolari a Milano, nonché direttore tecnico presso l'Istituto case popolari a Roma, del quale dal 1917 al 1946 fu direttore generale. Notevole fu anche la sua attività didattica presso la facoltà di Architettura di Roma dove insegnò economia delle costruzioni civili. Scrisse numerosi testi di ingegneria e architettura. Partito volontario per la guerra del 1915-1918, fu insignito della medaglia commemorativa e di volontario e della croce di guerra. Fu vicepresidente dell'Associazione nazionale ingegneri italiani e membro della Commissione ministeriale per la ricostruzione delle città distrutte dal terremoto nel 1917.

 

Bibliografia
N. Camarada, Cenno biografico di Costantino M. Costantini, Palermo, Tipografia di F. Lao, 1838.
I. Costantini, Le nuove costruzioni dell’Istituto per le case popolari in Roma. La borgata giardino Garbatella, in «Architettura e arti decorative», novembre 1922, pp. 119-137.
Urbanisti italiani,  a cura dell'Istituto nazionale di urbanistica, Roma, Istituto nazionale di urbanistica, 1952.
L. Toschi, Costantino Costantini (1854-1937) e Innocenzo Costantini (1881-1962). Progetti e realizzazioni, Osimo, Industrie grafiche Errebi, 1984.
M. F. Panini, Costantino Costantini, un architetto marchigiano e il cantiere dell'eclettismo (1854-1937), Roma, Edizioni Kappa, 2000.
Dizionario biografico dei marchigiani, a cura di G. M. Claudi e L. Catri, Ancona, Il lavoro editoriale, 2002.
 

 
  • 2