Ministero per i beni e le attivita' culturali e per il turismo-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

FIORINI, Guido

 
 Guido Fiorini.

Guido Fiorini.

 
 

Bologna, 1891 - Parigi, 1965

Guido Fiorini è architetto, studioso di architettura e scenografo, conosciuto per il suo brevetto per la tensistruttura (1928-1935), apprezzato anche da Le Corbusier, con cui entrò in contatto. Ha inoltre aderito al futurismo, movimento che apprezzò i suoi disegni di architetture meccaniche.
Fiorini si laurea nel 1918 a Roma presso la Scuola di applicazione degli ingegneri e nel 1919 consegue la specializzazione in Architettura.
All'inizio della sua attività affianca l'insegnamento accademico di Topografia e costruzioni stradali alla partecipazione a concorsi in cui merita segnalazione.
Grazie all'invenzione della tensistruttura, applicata anche a diverse tipologie abitative senza una ricaduta pratica, inizia una collaborazione con la Società nazionale delle officine di Savigliano, specializzata in strutture metalliche, con cui collaborerà per il progetto per l'Aeroporto di Milano Linate. 
Nel 1933 aderisce al futurismo, che diffonde le sue idee. Fiorini partecipa al movimento anche progettando il Padiglione per l'Esposizione coloniale internazionale di Parigi, decorato da Prampolini. Entra all'interno del Miar (Movimento italiano per l'architettura razionalista) partecipando alla seconda mostra a Parigi con il progetto per La casa degli italiani e con il Padiglione Italia.
All'attività di architetto unisce quella di scenografo, insegnando dal 1938 al Centro sperimentale di cinematografia e dal 1947 alla Scuola di architettura di Roma. Nel 1955 è premiato con il nastro d'argento per la realizzazione della scenografia del film Miracolo a Milano di Vittorio De Sica.
 

Bibliografia
R. Vittorini, Guido Fioriniad vocem, in Dizionario biografico degli italiani, Istituto della Enciclopedia Italiana.

 
  • 2