Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

CIUCCI, Emidio

 
 Emidio Ciucci

Emidio Ciucci

 
 

Amalfi (SA), 1901 - Latina, 1977

Dopo la laurea a Milano presso la Scuola di ingegneria, dirige i lavori della nuova stazione centrale di Milano, spostandosi successivamente a Roma, dove svolge l'attività di libero professionista. Progetta diversi edifici a Roma, Milano, Terracina (LT), Tortona (AL) ed il Piano regolatore di Fano (PU). Partecipa a numerosi concorsi nazionali e internazionali, ricevendo una menzione onorevole per il concorso per il Faro di Colombo a Santo Domingo, bandito dalla Pan American Union nel 1929, con la partecipazione di 456 architetti e ingegneri (tra cui il francese Tony Garnier) provenienti da 41 Paesi. Partecipa inoltre al concorso per la cattedrale di La Spezia nel 1930 (menzionato), in collaborazione con l'ingegner Aldo Putelli; per il nuovo Palazzo dei sindacati fascisti dell'industria, Milano (IV premio ex aequo), sempre in collaborazione con Putelli; per le chiese di Messina nel 1932 (secondo premio); per i Palazzi postali di Roma nel 1933 (menzione onorevole); per il Piano regolatore della ex fortezza di Savona nel 1934 (terzo premio) e per la sede della nuova Procura unificata di Roma nel 1936. È degli stessi anni la sua attività pubblicistica come collaboratore stabile della rivista «L'Eroica» di Milano, dove illustra, fino al 1936, il periodo polemico di rinnovamento dell'architettura. Durante il periodo bellico, è attivo come architetto a Gondar, in Etiopia, dove progetta e dirige tutte le principali opere pubbliche e diverse sistemazioni urbanistiche della città. Per quattro anni è membro del Comitato per l'edilizia e l'urbanistica del Governo di Asmara e pubblica articoli sul «Corriere eritreo» con orientamenti sull'edilizia e l'urbanistica di Gondar. Rimpatriato, vive il periodo postbellico come ingegnere della ricostruzione nel Genio civile di Ascoli Piceno e come libero professionista. Dal 1949 è direttore dell'Ufficio tecnico dell'Istituto delle case popolari della provincia di Latina, dove rimane fino alla morte, avvenuta nel 1977.

 

Bibliografia
P. Marconi, Mostra romana del concorso per il faro alla memoria di Cristoforo Colombo, in «Architettura e arti decorative», ottobre-novembre 1929, II-III.
Concorso per la cattedrale della Spezia, in «Architettura e arti decorative», maggio 1930, IX.
F. Reggiori, Il concorso per la Casa dei sindacati fascisti dell'industria a Milano, in «Architettura e arti decorative», settembre 1930, I.
E. Ciucci, La villa e Villa in Riviera, in «L'Eroica», giugno 1932, 166.
P. M., Emidio Ciucci: la villa, in «Architettura», 1932, X, p. 571.
E. Ciucci, Architettura sacra d'oggi. Principali progetti del concorso per otto chiese della Diocesi di Messina, in «L'Eroica», novembre-dicembre 1932, 171-172.
G. Minnucci, Il concorso nazionale per i palazzi postali di Roma, in «Architettura», 1933, X.
Progetti vincitori e premiati al concorso nazionale per i palazzi postali in Roma, in «Case d'oggi», 1934, 2.
S. Molli, Il concorso per il progetto del piano regolatore della ex fortezza di Savona, in «Urbanistica», novembre-dicembre 1934, 6.
G. Muzio, Concorso per il Prg di Aprilia, in «Rassegna di Architettura», 1936, 14-15.
A. Melis, II Concorso per il Prg di Aprilia, in «Urbanistica», 1936, 6.
G. Bosio, Progetto di massima per i Prg di Gondar, Dessiè, Gimma, in «Urbanistica», maggio-giugno 1937.
G. Bosio, Progetto di massima per i Prg di Gondar, Dessiè, Gimma, in «Architettura», maggio 1937, 9.
C. E. Rava, Architettura coloniale, in «Gli Annali dell'Africa Italiana», dicembre 1938, 3-4.
S. Poretti, Progetti e costruzione dei palazzi delle poste a Roma 1933-1935, Roma, Edilstampa, 1990.
Architettura italiana d'oltremare. 1870-1940, a cura di G. Gresleri, P. G. Massaretti e S. Zagnoni, catalogo della mostra, Venezia, 1993.
D. Pizzi e G. Muratore, Oltre mare. Itinerari di architettura in Libia, Etiopia, Eritrea, Cagliari, Sirai, 2001.

 
  • 2