Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

TORRES, Giuseppe

 
 Giuseppe Torres.

Giuseppe Torres.

 
 

Venezia, 1872 - Padova, 1935

Dopo gli studi con Giacomo Franco e Augusto Sezanne e numerose partecipazioni a concorsi, si dedica soprattutto all'architettura sacra, con progetti di restauro per l'abbazia di Follina e la chiesa di Sesto al Reghena e altri lavori per una committenza qualificata (Stefano Breda, Gerolamo Dalle Ore, Gaetano Marzotto). Persegue una ricerca nell'ambito dello storicismo medievalista (casa sul rio del Gaffaro a Venezia, 1905) ma è anche profondamente attratto dal liberty (garage Marcon a Mestre, a. 1908). Dopo il terremoto di Messina (1908) elabora progetti per edifici antisismici rotondi, che riproporrà ad Avezzano (AQ) nel 1915, cercando, in entrambi i casi senza successo, di essere coinvolto nella ricostruzione. Si avvicina alla teosofia, cui dedica numerose pubblicazioni. Nel Primo dopoguerra torna all'architettura religiosa impegnandosi, fra l'altro, nella ricostruzione della chiesa di San Donà di Piave (VE). L'amicizia con Paola Drigo e Giuseppe Brunati lo porta al coinvolgimento nella Lega d'azione per il confine e alla collaborazione con «Il Sabaudo», organo dell'associazione cattolico-massonica Comunità monarchica. Mentre la sua posizione nel panorama architettonico nazionale si consolida, si dedica come Ispettore regionale della Federazione degli artigiani d'Italia alle questioni dell'insegnamento artistico. Coinvolto probabilmente nelle epurazioni che fanno seguito alla soppressione della Comunità monarchica e del «Sabaudo», dalla fine degli anni Venti subisce una drammatica revoca degli incarichi professionali, sia pubblici sia privati. Tranne poche eccezioni, la sua attività si limita quindi all'insegnamento e alla progettazione del Tempio votivo al Lido di Venezia, dalla cui realizzazione sarà però gradualmente estromesso. Senza conseguenze sono le partecipazioni ai concorsi per la stazione di Firenze, il Palazzo postale di piazza Mazzini e il Palazzo del Littorio a Roma, effettuate mentre si manifestano i primi sintomi del male che lo porta alla morte nel 1935.

 

Bibliografia
Giuseppe Torres 1872-1935. Inventario analitico dell'archivio, a cura di R. Domenichini, Padova, Il Poligrafo, 2001.

 
  • 2