Ministero per i beni e le attivita' culturali e per il turismo-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

GALLO, Giuseppe

 

Giuseppe Gallo.

 
 

Caramagna Piemonte (CN), 1860 - Torino, 1927

Formatosi presso la Regia Scuola di Applicazione per gli ingegneri di Torino, Giuseppe Gallo (1860-1927) è con molta probabilità il più attivo progettista di chiese del Piemonte tra Otto e Novecento. A lui si debbono inoltre numerosissimi ampliamenti e trasformazioni di edifici storici medievali e di età moderna, che fanno del suo archivio una delle più interessanti e pervasive testimonianze sullo stato dei beni architettonici ecclesiastici piemontesi tra XIX e XX secolo. Operando nell'alveo dello storicismo eclettico, realizza ex-novo diverse decine di edifici, in forme sia neomedievali sia neobarocche e ponendosi, nei fatti, come uno dei veri anticipatori della rivalutazione critica dell'architettura piemontese del Sei e del Settecento e in particolare di quella di Juvarra, Vittone, Francesco Gallo, con i quali si confronta a più riprese nel corso della sua lunga attività professionale e di cui talvolta ripropone suggestioni formali e precise soluzioni compositive. 
Pur senza essere un innovatore, lascia interessanti testimonianze di un approccio integrale alla progettazione, capace di coniugare la tradizione accademica della composizione architettonica con l’uso dei materiali industriali e delle nuove tecnologie costruttive, elaborando progetti di grande complessità dove nulla è lasciato al caso, dal calcolo strutturale, al particolare decorativo e agli arredi, sempre disegnati di suo pugno.   

 
 

Archivio Giuseppe e Bartolomeo Gallo
L'archivio Gallo è stato acquistato pressi gli eredi Gallo dalla Fondazione 1563 per l’Arte e la Cultura della Compagnia di San Paolo tra 2005 e 2006. Alla prima acquisizione, relativa all’archivio privato di Giuseppe Gallo (1860-1927), costituito da disegni, fascicoli relativi ai cantieri, quattro volumi di copialettere e materiale fotografico e a stampa, ne è seguita nel 2006 una seconda, incentrata sui disegni del figlio Bartolomeo (1897-1970), unitamente ad un cospicuo numero di stampe fotografiche degli anni Sessanta del Novecento.

Bibliografia
Mauro Volpiano, Giuseppe Gallo. L’Architettura sacra in Piemonte tra Ottocento e Novecento, Allemandi, Torino 2002.
Mauro Volpiano (cura di), 
Il fondo Giuseppe e Bartolomeo Gallo. Fonti e documenti per l’architettura dell’Ottocento in Piemonte, volumi I, Le carte e i disegni dall’atelier all’architetto, e II, Repertorio bibliografico per lo studio dell’architettura e del suo contesto, Torino, 2009, Quaderni della Fondazione per l’Arte della Compagnia di San Paolo, n. 4.