Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

Le biografie si articolano in due pagine. Nella prima è presente il profilo biografico dell'architetto e una bibliografia essenziale. Nella seconda pagina compare invece l'elenco dei progetti principali del biografato e, in particolare, sono evidenziati quelli corredati da una scheda con relative immagini, le quali, quindi, possono essere visualizzate. Per reperire le biografie degli architetti associati a studi di architettura, consultare l'elenco alfabetico sotto la lettera S.

 
 
  • RIDOLFI, Mario

    RIDOLFI, Mario

    Maestro riconosciuto dell'architettura italiana del '900, creativo e poco propenso ad allinearsi a tendenze e orientamenti prevalenti. Nato in una famiglia di artigiani impegnati nell'edilizia, si laurea nel 1929 presso la Regia scuola di architettura di Roma. Nel 1928, ancora studente, partecipa alla I Esposizione italiana di architettura razionale, dove presenta il noto progetto per una Torre dei ristoranti. Al 1932 risalgono i primi incarichi di prestigio, risultato di vittorie a concorsi nazionali, ovvero la fontana di piazza Tacito a Terni e il palazzo delle poste di piazza Bologna a Roma, progetto questo che segna l'inizio del sodalizio con Wolfgang Frankl.
  • ROSSI, Aldo

    ROSSI, Aldo

    Aldo Rossi si laurea nel 1959 al Politecnico di Milano. Dal 1955 è redattore della rivista «Casabella-continuità», e collabora con altre riviste. Nel 1956 inizia la sua attività progettuale presso gli studi di Ignazio Gardella e Marco Zanuso a Milano. È docente presso la Scuola di urbanistica di Arezzo, il Politecnico di Milano, e l'università di Palermo dal 1963 al 1971, anno in cui, per attività politico culturali è sospeso dall'insegnamento. Prosegue dal 1972 la sua attività didattica presso il Politecnico federale di Zurigo e in diverse università statunitensi ed è direttore del Seminario internazionale di Santiago de Compostela (Spagna).
  • ROSSI, Tullio

    ROSSI, Tullio

    Intrapresi gli studi classici con la prospettiva di una carriera diplomatica, si appassionò al disegno dal vero e decise di iscriversi alla Scuola di architettura di Roma (1921). Fra i suoi compagni di studi furono Pier Niccolò Berardi, Luigi Vietti, Adolfo Rustichelli. Come disegnatore ottenne vari riconoscimenti accademici ed ebbe modo di lavorare nello studio di Vittorio Morpurgo, suo professore di Arredamento, del quale fu anche assistente per un breve periodo. Nel 1928 si laureò con un progetto di club nautico a S. Michele di Pagana, presso Rapallo, grazie al quale ottenne anche il premio "Valadier".