Ministero dei beni e delle attivita' culturali e del turismo-Direzione generale per gli archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

Valle del Khumbu (Nepal), Architettura sherpa. Ideogrammi interpretativi tracciati su mandala, Valerio Sestini ed Enzo Somigli, 1976

 
 Rilievo grafico di un ideogramma interpretativo tracciato su mandala, rappresentazione grafico-simbolica dell\'universo che e\' il primo elemento generatore dell\'intero spazio del tempio, con la figura della divinita\' buddista Avalokiteshvara, 1975.

Rilievo grafico di un ideogramma interpretativo tracciato su mandala, rappresentazione grafico-simbolica dell'universo che e' il primo elemento generatore dell'intero spazio del tempio, con la figura della divinita' buddista Avalokiteshvara, 1975.

 
 

Autori: Valerio Sestini ed Enzo Somigli

I rilievi di questi elementi fanno parte della terza e quarta spedizione nazionale di Sestini nel Lohtse nel 1975. Dedicata alle architetture religiosa e ai chorten, struttura simile derivata dallo stupa a imitazione dalla tomba cupoliforme del Buddha.
L'esperienza delle spedizioni effettuate nella regione himalayana convince Sestini della necessità di registrare quegli elementi che caratterizzano ulteriormente lo spazio architettonico e che individuano in modo più specifico le usanze locali di ciascun sito.
Il mandala, la rappresentazione grafico-simbolica dell'universo che è il primo elemento generatore dell'intero spazio del tempio, introduce qui alla meditazione con le figure di divinità buddiste Padmasambhava e Avalokiteshvara.

 

Archivio del progetto
Archivio "Valerio Sestini", Archivio di Stato di Firenze: si conservano 8 disegni originali su carta lucida relativi all'intera spedizione. L'archivio conserva anche la corrispondenza di Sestini con Istituti e privati coinvolti nelle spedizioni e alcuni diari di viaggio.

Bibliografia
«Opere. Rivista toscana di architettura», giugno 2009, VII, 24.
S. Sinibaldi, Valerio Sestini. Inventario analitico, Archivio di Stato di Firenze, 2011.