Ministero per i Beni e le Attivita' Culturali-Direzione generale archivi

 
Servizio Archivistico Nazionale
 

Archivi degli Architetti

 
Cerca nel Portale
 

Firenze, Villa Bayon, Leonardo Savioli, 1965-1966

 
 Schizzo prospettico di Villa Bayon a Firenze.

Schizzo prospettico di Villa Bayon a Firenze.

 
 

Autore: Leonardo Savioli

La casa è situata sulla collina di San Gaggio, nella zona a Sud di Firenze in direzione di Siena, all'interno di una lottizzazione delineata negli anni Cinquanta e costituita in prevalenza da residenze mono o bifamiliari destinate all'alta borghesia cittadina. Savioli sceglie di non inseguire tanto il dialogo con il paesaggio naturale o il riferimento alla tradizione toscana – come era nelle intenzioni dei committenti - ma di creare un'architettura autonoma che si definisce nel suo spazio attraverso la libera composizione dei volumi e la diffusione della luce.
La casa presenta una pianta ed una volumetria fortemente articolate, si sviluppa su due piani fuori terra - ciascuno con autonoma unità abitativa - ed è caratterizzata dal trattamento di ciascuno degli ambienti come episodio plastico-volumetrico del tutto autonomo.
Elementi caratterizzanti sono il grande tetto-terrazza in cemento armato a faccia vista, poggiante su pilastri, e il corpo cilindrico delle scale da cui si snodano le "cellule" abitative.
L'articolazione spaziale è arricchita dal calibrato gioco di aggetti dei balconi, caratterizzati dalla combinazione di piani in cemento ed elementi in alluminio, e delle cornici di porte e finestre, articolate ciascuna in maniera autonoma mediante la differenziazione delle dimensioni, l'aggetto della cornice-tettoia o del davanzale, il disegno degli infissi in legno. Tutte le aperture si inseriscono in tale contesto rispondendo al medesimo gioco di dinamismo spaziale, sempre tuttavia nel rispetto dello spazio interno da illuminare e dell'atmosfera che in ogni ambiente si vuole creare.

 

Archivio del progetto
Archivio "Leonardo Savioli", Archivio di Stato di Firenze: carte relative al progetto si trovano in quasi tutte le serie documentarie del Fondo. In particolare si segnalano 69 tavole di progetto condizionate in rotoli, 107 fotografie e il plastico in metallo cromato.

Bibliografia
M. Bottero, Leonardo Savioli, in «World Architecture», 1966, 3.
M. Dezzi Bardeschi, Leonardo Savioli, una metodologia di progettazione, in «Mercatre», 1966, 26/29.
F. Brunetti, Leonardo Savioli architetto, Bari, Edizioni Dedalo, 1982.
Leonardo Savioli: il segno generatore di forma-spazio, a cura di R. Manno Tolu, L. Vinca Masini, A. Poli, catalogo della mostra di Firenze (Archivio di Stato, 23 settembre-6 dicembre 1995), Città di Castello, Edimond, 1995.